INFORMATICA E MULTIMEDIALITA'

INFORMATICA E MULTIMEDIALITÀ

 

Da alcuni anni la Scuola secondaria di primo grado Leonardo da Vinci sta dedicando particolare impegno all’introduzione delle nuove tecnologie nell’attività scolastica, nella convinzione che esse producano un effettivo cambiamento sul piano educativo e didattico. In particolare, si ritiene che un uso intelligente del computer nella scuola serva a:

 

·  favorire lo sviluppo del pensiero, soprattutto perché, nell’ambito di uno stile cognitivo diverso da alunno ad alunno, mette in azione tutti i processi mentali necessari all’organizzazione dei contenuti; come dimostrato da numerose ricerche, l’uso delle nuove tecnologie aumenta la soglia percettiva dell’individuo, sviluppandone le facoltà sensomotorie, simboliche ed operatorie;

 

·  rinforzare l’apprendimento attraverso l’azione, così come avviene in genere per le attività  laboratoriali;

·  spostare la prospettiva dell’azione didattica più sullo studente che non sull’insegnante; quest’ultimo si trasforma piuttosto in un facilitatore del sapere;

 

·  aumentare l’interesse e la motivazione negli alunni;

 

·  stimolare la cooperazione fra gli studenti, in quanto l’uso spesso difficoltoso delle tecnologie impone un continuo confronto per la soluzione dei problemi.          

 

Nei docenti della Scuola secondaria di primo grado Leonardo da Vinci vi è la piena consapevolezza che di per sé le nuove tecnologie non implicano necessariamente un cambiamento positivo. Determinante, piuttosto, è l’intreccio che si viene a creare tra l’uso di queste tecnologie e l’atteggiamento dei docenti, sia sul piano didattico che su quello educativo. Perciò si considera fondamentale un’attenta programmazione delle attività, in modo da sfruttare le potenzialità insite in questa innovazione. I progetti proposti, perciò, terranno in grande considerazione le implicazioni che esse dovranno avere sulla didattica:

 

·  la possibilità di sfruttare la ricchezza insita nella multimedialità piuttosto che nella  monotestualità (anche se, è bene precisarlo, la multimedialità è già presente sotto molte forme della tradizionale attività didattica);

 

·  la necessità di cambiare modalità di insegnamento e quindi rinnovare, il modo di fare lezione;

 

·  una maggiore attenzione e valorizzazione degli stili cognitivi dei singoli alunni.  

 

 

Laboratorio di informatica e multimedialità

 

La scuola secondaria di primo grado ha un’attrezzatura informatica di medio livello,  (in attesa che alcuni PC vengano sostituiti) un’ aula dedicata all’ insegnamento dell’ informatica da 24 postazioni collegate alla rete didattica con un PC con proiettore e due armadi attrezzati spostabili. Tutti i locali della scuola sono collegati alla rete didattica.

Dall’anno scolastico 2005-2006 è stato cambiato il sistema operativo Windows e sostituito con il sistema operativo libero Linux, sono stati svolti corsi di aggiornamento per docenti e,  per alunni, in ore extradisciplinari scelti liberamente per principianti e progrediti.

I corsi prevedono una conoscenza di base del sistema operativo, dell’interfaccia grafica, introduzione dei programmi applicativi di OpenOffice.org (Writer, Calc, Impess, disegno, grafica, musica ecc.), navigazione internet e posta elettronica.

 

LE ATTIVITA’

 

Sono principalmente distinguibili in:

 

·  Corsi di informatica in ore extradisciplinari, rivolti a tutti gli alunni, per il conseguimento della patente (ECDL).

·  Progetti realizzati con le classi o gruppi di alunni,  dagli insegnanti della scuola, con o senza interventi di esperti esterni. Essi  sono attualmente legati, oltre che alle scelte programmatiche condivise,  al livello di competenza degli insegnanti della scuola in campo informatico, ancora non omogeneo e comunque in continuo potenziamento negli ultimi anni. Gradualmente, negli ultimi anni, si sta passando da una programmazione disciplinare dei singoli insegnanti ad una multidisciplinare.

 

 

 

Corsi di informatica in ore extradisciplinari

 

La scuola attiva nell’anno scolastico 2008/09, in stretta collaborazione con il CTS, Centro di Formazione Professionale in Lingua Italiana “Luigi Einaudi”, con il quale ha stipulato una convenzione,  un progetto triennale finanziato dal Fondo Sociale Europeo per il conseguimento, da parte degli alunni, della patente europea di informatica (ECDL).  Il progetto prevede tre percorsi dedicati ai diversi livelli di conoscenze così strutturati:

 

Allievi delle prime classi – raggiungimento della certificazione ECDL full

·         due moduli in prima ( Utilizzo PC e gestione files, Elaborazione testi)

·         due moduli in seconda (Fogli Elettronici, Presentazione)

·         tre moduli in terza (Concetti teorici di base, Basi di dati, Internet)

 

Allievi delle seconde classi – raggiungimento della certificazione ECDL start (quattro moduli a scelta) da integrare con eventuali ulteriori moduli fino al raggiungimento della certificazione full

·         due/tre moduli in seconda (Utilizzo PC e gestione files, Elaborazione testi ed eventualmente Internet)

·         da due a cinque moduli a scelta in terza

 

Allievi delle classi terze – raggiungimento della certificazione ECDL start

·         quattro moduli a scelta

Per ogni modulo verranno attivatiti più corsi: il numero verrà definito in base alle iscrizioni pervenute all’inizio dell’anno scolastico; per ogni corso è prevista una partecipazione di max 15 alunni. I corsi verranno tenuti da formatori del CTS che saranno coadiuvati da insegnanti interni.

]]>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.